Ho una figlia di 23 anni, bellissima (scusate il cuore di mamma) e io la invidio tanto tanto, ma non per la sua bellezza e giovinezza ma per la sua maestria nel fare i Selfie ! Una vera e propria arte, non ho più dubbi a proposito. Posizione del cellulare, lato migliore, occhi e sopracciglia in evidenza, bocca, luce, io non ci capisco niente. Effettivamente a oltre 50 anni non sono proprio un soggetto da Selfie ma quando vedo gli autoritratti di Irene, mi scorre una lacrimuccia e quella sottile punta di invidia mi percorre tutta. Bene ora mi impegnerò di più. Ho trovato l’articolo che fa per me su  www.cosmopolitan.com . Ti dice le cinque mosse per fare il migliore selfie e chissenefrega se tutto l’articolo è condito da foto di strabelle come la Hadid o la Gomez (che ve lo dico a fa?); io le cinque regole auree le seguirò. Prima: inquadratura dall’alto e mentre cercate di inquadrarvi mi raccomando strabuzzate gli occhi così sembreranno più grandi e sorpresi e soprattutto pensate a qualcosa di divertente che vi fa sentire felici. Seconda regola: tirate la testa lontano dal collo così da fare un effetto donna di Modigliani (o di cammello) e cercate di rilassare le spalle (fosse facile..). Terza (comincio ad avere un crampo alla mano e al collo): il telefono non deve essere di fronte a voi ma di lato. Quarta: mentre sto cercando di ricordare le prime tre devo rilassare la bocca e espirare dalle labbra. Questo fa sì che la bocca sarà leggermente aperta, carnosa e polposa (non ce la posso fare…). Infine quinta regola, muovi leggermente il cellulare finché non trovi la luce migliore e……scatta! Sai che ti dico, continuo a guardare gli autoritratti di Irene e io mi cimento a fare foto al paesaggio.

0 352